Home Covid-19 Coronavirus: le mascherine chirurgiche non sono del tutto efficaci nel bloccare il...

Coronavirus: le mascherine chirurgiche non sono del tutto efficaci nel bloccare il virus

281
0
Immagine del coronavirus
This media comes from the Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library (PHIL), with identification number #4814.

Le maschere chirurgiche e di cotone sono risultate inefficaci per prevenire la diffusione del SARS-CoV-2 in pazienti con COVID-19 e tosse. Uno studio condotto in due ospedali di Seoul, nella Corea del Sud, ha scoperto che quando i pazienti COVID-19 tossivano in entrambi i tipi di mascherina, goccioline di virus venivano rilasciate nell’ambiente e sulla superficie esterna della mascherina stessa. I risultati di questa ricerca sono stati pubblicati lo scorso 6 aprile sulla rivista Annals of Internal Medicine.

Coronavirus: prevenire la trasmissione con le mascherine

Durante l’infezione virale respiratoria da SARS-CoV-2, si ritiene che le maschere facciali prevengano la trasmissione, tanto che gli esperti sanitari ne raccomandano il loro uso durante la pandemia di COVID-19. Un consiglio che non riguarda solo il personale sanitario, ma l’intera popolazione, nel momento in cui si creano dei contatti interpersonali ravvicinati.

adv

Con la carenza sia di mascherine chirurgiche, sia di quelle più specifiche, come quelle tipo N95, che hanno dimostrato di prevenire la diffusione del virus dell’influenza, si sono fatte strada sul mercato mascherine in cotone. Tuttavia, non era mai stato dimostrato con certezza se le mascherine chirurgiche o di cotone, indossate dai pazienti con COVID-19, fossero state in grado di prevenire la contaminazione dell’ambiente.

Mascherine: se si tossisce il virus non viene fermato

I ricercatori dell’Asan Medical Center, dell’Università di Ulsan College of Medicine, a Seoul, in Corea del Sud, hanno chiesto a quattro pazienti con COVID-19 di tossire 5 volte ciascuno su una capsula di Petri, un recipiente piatto predisposto per analizzare la crescita di microrganismi.

I pazienti hanno tossito indossando la seguente sequenza di mascherine: nessuna mascherina, mascherina chirurgica, mascherina di cotone e nuovamente senza mascherina.

Le superfici della maschera sono state strofinate con tamponi Dacron asettici nella seguente sequenza: superficie esterna della maschera chirurgica, superficie interna della maschera chirurgica, superficie esterna della maschera di cotone e superficie interna della maschera di cotone.

I ricercatori hanno scoperto la presenza del virus SARS-CoV-2 su tutte le superfici analizzate. Questi risultati suggeriscono quindi che le raccomandazioni di indossare mascherine per prevenire la diffusione di COVID-19 potrebbero non essere del tutto efficaci. Quando si indossano questi due tipi di mascherine andrebbero quindi considerati i loro limiti.

 

 

Articolo precedenteIn Groenlandia e in Antartide il ghiaccio si scioglie sei volte più velocemente del previsto
Articolo successivoCoronavirus: alta contagiosità dei pazienti quando iniziano i sintomi
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui