Le infezioni batteriche tra i pazienti con COVID-19 sono rare, ma l’uso degli antibiotici elevato

L’analisi dell’uso di antimicrobici tra i pazienti affetti da COVID-19 nel Regno Unito, pubblicata sulla rivista The Lancet Microbe, evidenzia la necessità di includere una guida sull’uso ottimale di questi farmaci nella cura dei pazienti.

L’analisi più completa del suo genere fino ad oggi conferma che le coinfezioni batteriche tra i pazienti con COVID-19 sono rare, ma l’uso di antimicrobici durante la prima ondata del paese tra il 6 febbraio e l’8 giugno 2020 è stato elevato.

COVID-19 e antibiotici

I risultati suggeriscono che l’adozione di misure per supportare l’uso antimicrobico ottimale, noto come stewardship antimicrobica, nei pazienti COVID-19 contribuirà a rallentare l’emergere della resistenza antimicrobica. In particolare, gli autori affermano che l’accento dovrebbe essere posto sulla limitazione della prescrizione empirica di antimicrobici – quando un medicinale viene somministrato prima che i test confermino un’infezione batterica – specialmente quando i pazienti vengono ricoverati per la prima volta in ospedale.

La dott.ssa Antonia Ho, dell’MRC-University of Glasgow Centre for Virus Research, Regno Unito, ha dichiarato: “Nel fare qualsiasi valutazione dell’uso di antimicrobici nel trattamento dei pazienti COVID-19 è essenziale riconoscere che i medici nel Regno Unito – e in tutto il mondo – hanno combattuto un’emergenza medica globale. Date le sfide senza precedenti poste dalla pandemia, in particolare durante le sue prime fasi in cui i pazienti ricoverati erano molto malati, i trattamenti efficaci erano limitati e il ruolo di possibili co-infezioni sconosciuto, non sorprende che i medici prescrivessero antimicrobici. Tuttavia, ora sappiamo che la coinfezione batterica è rara nei pazienti con COVID-19 acquisito in comunità. Poiché la resistenza agli antimicrobici rimane una delle maggiori sfide per la salute pubblica del nostro tempo, le misure per combatterla sono essenziali per contribuire a garantire che questi farmaci salvavita rimangano un trattamento efficace per le infezioni negli anni a venire”.

Le infezioni batteriche tra i pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19

Una precedente revisione sistematica e meta-analisi di 38 studi aveva suggerito che le infezioni batteriche respiratorie e del flusso sanguigno sono rare tra i pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19, ma gli studi inclusi erano piccoli e fornivano informazioni limitate sui tempi dell’infezione, sui batteri specifici che causano le infezioni e sulle classi di farmaci antimicrobici utilizzati.

Gli autori del nuovo studio riportano il numero di infezioni batteriche correlate al COVID-19, i tipi di batteri identificati, il numero di persone cui sono stati prescritti antimicrobici e i tipi di antimicrobici prescritti, tra 48.902 pazienti ricoverati in 260 ospedali in Inghilterra, Scozia e Galles a causa di COVID-19 tra il 6 febbraio e l’8 giugno 2020. La tempistica dell’infezione è stata registrata prima del ricovero ospedaliero (coinfezione) o acquisita dopo il ricovero (infezione secondaria). L’età media dei pazienti era di 74 anni e il 43% era di sesso femminile.

I test microbiologici, compresi gli esami del sangue e l’analisi dell’espettorato e dei campioni polmonari profondi, sono stati registrati per 8.649 pazienti, con infezioni batteriche respiratorie o ematiche correlate al COVID-19 rilevate in 1.107 pazienti. Al contrario, le co-infezioni batteriche sono molto più comuni con l’influenza grave, che si verificano nel 23% dei pazienti.

In prevalenza infezioni secondarie

Quando sono state rilevate infezioni batteriche nei pazienti COVID-19, il 71% erano infezioni secondarie, acquisite più di 2 giorni dopo il ricovero in ospedale dei pazienti. Staphylococcus aureus e Haemophilus influenzae erano le cause più comuni di co-infezioni respiratorie, mentre Enterobacteriaceae e S aureus erano le più comuni nelle infezioni respiratorie secondarie. Le infezioni ematiche erano più spesso causate da Escherichia coli e S aureus.

Tra i pazienti con dati disponibili, al 37% erano stati prescritti antimicrobici per la loro malattia da un medico o un farmacista prima di essere ricoverati in ospedale, mentre l’85% ha ricevuto uno o più antimicrobici ad un certo punto durante loro degenza ospedaliera. L’uso di antimicrobici è stato più elevato durante marzo e aprile 2020, ma è diminuito durante maggio, quindi è essenziale un’ulteriore valutazione di eventuali modifiche ai modelli di prescrizione.

Agenti ad ampio spettro come i carbapenemi – una classe di antimicrobici riservati al trattamento di infezioni batteriche gravi o ad alto rischio – sono stati usati frequentemente, rappresentando il 3,8% di tutte le prescrizioni. Al contrario, le alternative sono state utilizzate meno spesso, rappresentando tra lo 0,2% e l’1,5% di tutte le prescrizioni.

Sulla base delle loro scoperte, gli autori raccomandano una serie di interventi di stewardship antimicrobica  cui dovrebbe essere data la priorità per l’incorporazione nella cura del paziente COVID-19. Oltre a limitare la prescrizione senza una diagnosi confermata, questi includono l’adattamento della scelta degli antimicrobici (quando richiesto) ai probabili patogeni e ai modelli di resistenza locale e l’incoraggiamento dei medici a interrompere gli antimicrobici se la coinfezione è ritenuta improbabile e i test confermano che i pazienti non hanno un’infezione batterica.

I principi di gestione degli antimicrobici

Il dottor Clark Russell, del Centro per la ricerca sull’infiammazione dell’Università di Edimburgo, ha dichiarato: “I nostri risultati aggiungono la necessaria profondità alla nostra comprensione su come gli antimicrobici sono stati utilizzati nel trattamento dei pazienti con COVID-19 e su come potrebbe essere ottimizzato l’uso degli antimicrobici. Dare priorità e incorporare i principi di gestione degli antimicrobici esistenti nei piani di assistenza potrebbe aiutare a prevenire un aumento delle infezioni resistenti ai farmaci che diventi una conseguenza a lungo termine della pandemia. Il nostro studio ha esaminato solo la prima ondata di pandemia nel Regno Unito, quindi è importante che gli studi futuri valutino l’uso di antimicrobici più avanti nella pandemia, sia nel Regno Unito che in altre parti del mondo”.

Gli autori riconoscono alcune limitazioni al loro studio. La diagnosi microbiologica della coinfezione è impegnativa, in particolare durante una pandemia, quindi, poiché meno del 20% dei partecipanti ha registrato indagini microbiologiche, il vero tasso di infezioni batteriche può differire da quello riportato dallo studio. I risultati clinici che avrebbero aiutato a fornire informazioni per la diagnosi di infezione batterica non sono stati raccolti al momento del campionamento microbiologico, contribuendo ai problemi esistenti nell’utilizzo dei risultati dei test, per distinguere retrospettivamente tra una vera infezione e altre spiegazioni plausibili.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette + 11 =