Home Medicina Interna Dormire poco fa male al rene

Dormire poco fa male al rene

377
0

La qualità e la durata del sonno sono state messe in relazione in più occasioni con l’insorgere di malattie cardiovascolari e metaboliche. Uno studio pubblicato questo mese su Kidney International ha voluto analizzare le modificazioni della funzionalità renale in funzione della durata del sonno, nel corso di un follow-up di ben 11 anni.

Sono state incluse nello studio, dal 1989, 4238 con un’età media di 58 e una velocità di filtrazione glomerulare stimata di 88,3 ml/min/1.73 m2. La mediana della durata del sonno era di 7 ore. Gli individui che dormivano 5 ore o meno per notte avevano un indice di massa corporea più elevato e una maggiore prevalenza di ipertensione e malattie cardiovascolari.

adv

Un rapido declino della funzione renale è stato osservato in 529 soggetti (12%), con la velocità di filtrazione glomerulare che è passata da 103,5 ml/min/1,73 m2 al basale (1989) a59,3 ml/min/1,73m2 al follow-up (2000). Tra questi, 288 (54%) hanno sviluppato un’insufficienza renale cronica di stadio 3 o superiore. Dopo un aggiustamento per tutte le variabili confondenti considerate, l’Odds Ratio per un rapido declino della funzione renale, nei confronti dei soggetti che dormivano 7-8 ore, era 1.79 per i soggetti che riferivano di dormire 5 ore o meno, 1.31 per quelli che dormivano 6 ore a notte, entrambi significativi.

Inoltre era rilevata una tendenza significativa nel declino annualizzato della velocità di filtrazione glomerulare di 1,2 ml/min/1,73 m2/anno, per gli individui che dormivano 5 ore o meno per notte, 0,9 ml/min/1,73 m2/anno per chi dormiva 6 ore, 0,8 ml/min/1,73 m2/anno per chi dormiva 7 o più ore a notte.

corpuscolo renale mod

In estrema sintesi, lo studio sembra quindi dimostrare, come più breve è la durata del sonno, più veloce è il declino della funzione renale. Dati decisamente allarmanti, che rafforzano il concetto di quanto importante sia un adeguato periodo di riposo notturno per ridurre il rischio di differenti malattie.

 

Cover image volume 89, Issue 6

McMullan CJ, et al. Association of short sleep duration and rapid decline in renal function. Kidney International 2016;89:1324–1330.

LIBERO ACCESSO

Articolo precedenteIl freddo per combattere la fibrillazione atriale
Articolo successivoL’obesità negli adolescenti aumenta ancora
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

venti − undici =