Gravi effetti dell’inquinamento atmosferico sulla salute dei bambini. Un nuovo rapporto OMS

Ogni giorno circa il 93% dei bambini di età inferiore ai 15 anni (1,8 miliardi di bambini) respira aria così inquinata da mettere a rischio la salute e lo sviluppo. Tragicamente, molti di loro muoiono. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che nel 2016, 600.000 bambini siano morti per infezioni acute delle basse vie respiratorie causate da aria inquinata.

Un nuovo rapporto dell’OMS sull’inquinamento atmosferico e la salute dei bambini

Il rapporto è stato lanciato alla vigilia della prima Conferenza mondiale dell’OMS sull’inquinamento atmosferico e la salute. Rivela che quando le donne incinte sono esposte all’aria inquinata, hanno più probabilità di partorire prematuramente e hanno figli piccoli e di peso inferiore alla nascita.

L’inquinamento atmosferico influisce anche sul neurosviluppo e sulle capacità cognitive e può scatenare l’asma e il cancro infantile. I bambini che sono stati esposti ad alti livelli di inquinamento atmosferico possono essere maggiormente a rischio di malattie croniche, come le malattie cardiovascolari, nelle fasi più avanzate della vita.

“L’aria inquinata sta avvelenando milioni di bambini e rovina le loro vite”, afferma il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Questo è imperdonabile. Ogni bambino dovrebbe essere in grado di respirare aria pulita in modo da poter crescere e realizzare il suo pieno potenziale.”

I bambini assorbono più inquinanti

Uno dei motivi per cui i bambini sono particolarmente vulnerabili agli effetti dell’inquinamento atmosferico è che respirano più rapidamente degli adulti e quindi assorbono più inquinanti.

Vivono anche più vicino al terreno, dove alcuni inquinanti raggiungono concentrazioni di picco, in un momento in cui i loro cervelli e corpi sono ancora in via di sviluppo.

I neonati e i bambini piccoli sono più esposti anche all’inquinamento atmosferico domestico, nelle abitazioni che utilizzano regolarmente combustibili e tecnologie inquinanti per cucinare, riscaldare e illuminare.

“L’inquinamento atmosferico sta ostacolando il cervello dei nostri figli, influenzando la loro salute in molti modi diversi da quello che sospettavamo. Ma ci sono molti modi semplici per ridurre le emissioni di inquinanti pericolosi “, afferma la dott.ssa Maria Neira, direttore del Dipartimento di salute pubblica, determinanti ambientali e sociali della salute dell’OMS.

“L’OMS sta sostenendo l’attuazione di misure politiche per la salute come l’accelerazione del passaggio a combustibili e tecnologie di cottura e riscaldamento puliti, promuovendo l’uso di trasporti più puliti, alloggi efficienti dal punto di vista energetico e pianificazione urbana. Stiamo preparando il terreno per la produzione di energia a basse emissioni, tecnologie industriali più pulite e più sicure e una migliore gestione dei rifiuti urbani”, ha aggiunto.

 Questi i punti chiave del rapporto OMS:

  • L’inquinamento atmosferico influisce sul neurosviluppo, portando a risultati di test cognitivi più bassi, influenzando negativamente lo sviluppo mentale e motorio.
  • L’inquinamento atmosferico sta danneggiando la funzione polmonare dei bambini, anche a livelli più bassi di esposizione.
  • Globalmente, il 93% dei bambini al di sotto dei 15 anni di età sono esposti a livelli di particolato ambientale (PM2,5) superiori a quanto raccomandato dalle linee guida sulla qualità dell’aria dell’OMS. In termini numerici si tratta di 630 milioni di bambini sotto i 5 anni e 1,8 miliardi di bambini sotto i 15 anni.
  • Nei paesi a basso e medio reddito di tutto il mondo, il 98% di tutti i bambini sotto i 5 anni sono esposti a livelli di PM2,5 superiori alle linee guida sulla qualità dell’aria dell’OMS. In confronto, nei paesi ad alto reddito, il 52% dei bambini sotto i 5 anni è esposto a livelli superiori alle linee guida.
  • Oltre il 40% della popolazione mondiale, vale a dire 1 miliardo di bambini sotto i 15 anni, è esposta a livelli elevati di inquinamento atmosferico domestico, dovuto principalmente alla cottura con tecnologie e combustibili inquinanti.
  • Nel 2016, circa 600.000 decessi nei bambini sotto i 15 anni sono stati attribuiti agli effetti congiunti dell’inquinamento atmosferico ambientale e domestico.
  • L’inquinamento atmosferico domestico, dovuto alla cottura dei cibi, e l’inquinamento atmosferico (esterno) provocano insieme oltre il 50% delle infezioni acute delle basse vie respiratorie, nei bambini di età inferiore a 5 anni nei paesi a basso e medio reddito.
  • L’inquinamento atmosferico è una delle principali minacce alla salute dei bambini, che rappresenta quasi 1 decesso su 10 nei bambini al di sotto dei cinque anni di età.

Gli obbiettivi della Conferenza

La prima conferenza mondiale dell’OMS sull’inquinamento atmosferico e la salute, che si è aperta a Ginevra lo scorso 30 ottobre. Gli impegni da assumere dovrebbero includere:

  • Azione da parte del settore sanitario per informare, educare, fornire risorse agli operatori sanitari e impegnarsi nella definizione di politiche intersettoriali.
  • Attuazione di politiche volte a ridurre l’inquinamento atmosferico: tutti i paesi dovrebbero lavorare per soddisfare le linee guida internazionali sulla qualità dell’aria dell’OMS, per migliorare la salute e la sicurezza dei bambini. Per raggiungere questo obiettivo, i governi dovrebbero adottare misure come la riduzione dell’eccessiva dipendenza da carburanti di origine fossile, investendo in miglioramenti nell’efficienza energetica e facilitando l’adozione di fonti di energia rinnovabili. Una migliore gestione dei rifiuti può ridurre la quantità di rifiuti bruciati all’interno delle comunità e quindi ridurre l’inquinamento atmosferico. L’uso esclusivo di tecnologie e combustibili puliti per le attività di cottura, riscaldamento e illuminazione domestica può migliorare drasticamente la qualità dell’aria nelle case e nella comunità circostante.
  • Misure per minimizzare l’esposizione dei bambini all’aria inquinata: scuole e campi da gioco dovrebbero essere collocati lontano dalle principali fonti dell’inquinamento atmosferico come strade trafficate, fabbriche e centrali elettriche.

 

Già lo scorso maggio avevamo pubblicato un articolo, che vi invitiamo a consultare, sul precedente rapporto OMS sugli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla popolazione generale.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + uno =