Trattamenti per il coronavirus: idrossiclorochina e azitromicina possono all’ungare l’intervallo QTc

I pazienti con COVID-19 che erano in trattamento con idrossiclorochina e azitromicina hanno manifestato anomalie all’elettrocardiogramma. Lo riporta un articolo pubblicato sulla rivista Nature Medicine.

In questa ricerca, gli autori hanno valutato 84 pazienti con COVID-19, trattati in un centro di New York, negli Stati Uniti.

Coronavirus: il trattamento con idrossiclorochina e azitromicina

Recenti articoli hanno suggerito che la combinazione di idrossiclorochina – un farmaco antimalarico – e azitromicina – un antibiotico – può aiutare i pazienti con diagnosi di COVID-19. Tuttavia, entrambi i farmaci hanno dimostrato, indipendentemente, di aumentare il rischio di vari tipi di anomalie del ritmo cardiaco, come il prolungamento dell’intervallo QTc, le torsioni di punta indotte da farmaci e la morte cardiaca improvvisa.

L’intervallo QTc viene misurato sull’elettrocardiogramma e rappresenta il tempo necessario al cuore per ripolarizzarsi dopo una contrazione. Molti studi in passato hanno documentato come un intervallo QTc prolungato metta il paziente a rischio di sviluppare aritmie pericolose e di incorrere in una morte cardiaca improvvisa.

Coronavirus: gli effetti della terapia sull’intervallo QTc

Lior Jankelson e colleghi hanno esaminato gli ECG di 84 pazienti con COVID-19 e ne hanno misurato l’intervallo QTc in corso di un regime orale di 5 giorni di idrossiclorochina e azitromicina. I pazienti avevano, in media, 63 anni e il 74% erano maschi. Dopo che ai pazienti sono stati somministrati i farmaci, gli autori hanno eseguito un elettrocardiogramma. Hanno osservato un QTc prolungato nella maggior parte dei pazienti. Il QTc è stato gravemente prolungato nell’11% dei pazienti, il che li ha messi ad alto rischio di aritmie e morte cardiaca improvvisa. Quattro pazienti nella coorte sono deceduti per sindrome da disfunzione multiorgano, senza evidenza di aritmia e senza grave prolungamento dell’intervallo QTc.

Jankelson e colleghi hanno scoperto che la maggior parte dei pazienti con COVID-19 trattati con idrossiclorochina e azitromicina hanno manifestato un prolungamento del QTc. Ciò potrebbe essere stato esacerbato da altre condizioni preesistenti e dalla gravità dell’infezione SARS-CoV-2.

Gli autori concludono che il QTc nei pazienti con COVID-19 che sono trattati con idrossiclorochina e azitromicina deve essere costantemente monitorato, specialmente per i pazienti con malattie aggiuntive e in quelli che sono in trattamento con altri farmaci che prolungano il QTc.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − diciannove =