Immagine del coronavirus

Coronavirus: risultati promettenti per il trattamento con interferone, lopinavir-ritonavir e ribavirina

Risultati promettenti per il trattamento contro il coronavirus arrivano dal primo studio randomizzato che ha valutato differenti combinazioni di farmaci antivirali, associati o meno all’interferone.

Ne è emerso che un periodo di due settimane di terapia antivirale con interferone beta-1b più lopinavir-ritonavir e ribavirina, iniziato entro 7 giorni dalla comparsa dei sintomi da COVID-19, è sicuro e più efficace nel ridurre la durata della diffusione virale rispetto al solo lopinavir-ritonavir, nei pazienti con malattia da lieve a moderata.

Questa ricerca, condotta su 127 adulti ricoverati presso sei ospedali pubblici di Hong Kong e pubblicata sulla rivista The Lancet, non includeva casi gravi di COVID-19. Gli autori sottolineano peraltro la necessità di studi di fase 3 più ampi per esaminare l’efficacia di questa tripla combinazione anche in pazienti critici.

Coronavirus: durata della malattia più breve con la triplice terapia

Gli endpoint secondari di questo nuovo studio suggeriscono che il miglioramento clinico e la durata della degenza ospedaliera possono essere significativamente più brevi nelle persone trattate con tripla combinazione, iniziando la cura meno di sette giorni dopo la comparsa dei sintomi, rispetto al solo lopinavir-ritonavir.

L’esperienza con l’influenza, che ha un’alta carica virale nel momento in cui compaiono i sintomi, suggerisce che il trattamento di pazienti ospedalizzati con una combinazione di più farmaci antivirali può essere più efficace dei singoli trattamenti farmacologici, e minimizzare il rischio di resistenza antivirale. Gli autori hanno ipotizzato che questo approccio terapeutico potrebbe essere utilizzato anche per COVID-19, in cui la carica virale raggiunge il picco proprio al momento dell’insorgenza dei sintomi.

“Il nostro studio dimostra che il trattamento precoce di COVID-19 da lieve a moderato con una tripla combinazione di farmaci antivirali può sopprimere rapidamente la quantità di virus nel corpo di un paziente, alleviare i sintomi e ridurre il rischio per gli operatori sanitari, riducendo la durata e quantità di diffusione virale. Inoltre, la combinazione terapeutica è apparsa sicura e ben tollerata dai pazienti”, afferma il professor Kwok-Yung Yuen dell’Università di Hong Kong, che ha guidato la ricerca.

Continua, “Nonostante questi risultati incoraggianti, dobbiamo confermare in studi di fase 3 più ampi che l’interferone beta-1b da solo o in combinazione con altri farmaci è efficace nei pazienti con malattia più grave.”

Coronavirus: triplice terapia con lopinavir-ritonavir e ribavirina

Ricerche precedenti avevano evidenziato che una combinazione di lopinavir-ritonavir orale, normalmente usato per il trattamento dell’HIV, e ribavirina, un farmaco per combattere il virus dell’epatite C, aveva ridotto significativamente l’insufficienza respiratoria e la morte in pazienti ricoverati con sindrome respiratoria acuta grave (SARS) durante l’epidemia del 2003.

D’altra parte, l’interferone beta-1b, che è stato sviluppato per trattare la sclerosi multipla, ha dimostrato di ridurre la carica virale e migliorare i problemi polmonari negli studi sugli animali dell’infezione da coronavirus della sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS).

Lo studio in aperto ha arruolato 127 adulti (età media 52 anni) ricoverati in sei ospedali pubblici con infezione SARS-CoV-2 confermata in laboratorio, tra il 10 febbraio e il 20 marzo 2020. A Hong Kong, tutti coloro che risultano positivi al test per COVID-19 sono ricoverati in ospedale.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a una cura di 14 giorni con: tripla combinazione di lopinavir-ritonavir orale (400 mg / 100 mg) e ribavirina (400 mg) ogni 12 ore, oltre a un massimo di tre dosi di interferone beta-1b iniettabile (8 milioni di unità internazionali) a giorni alterni per i pazienti ricoverati in ospedale a meno di 7 giorni dall’esordio dei sintomi (86 pazienti; gruppo di combinazione); o lopinavir-ritonavir da solo ogni 12 ore (41 pazienti; gruppo di controllo).

Nello studio, tutti i pazienti hanno ricevuto cure standard tra cui supporto di ventilazione, supporto per dialisi, antibiotici e corticosteroidi. Il numero medio di giorni dall’esordio dei sintomi all’inizio del trattamento in studio è stato di cinque giorni.

L’endpoin principale dello studio

Durante lo studio, i ricercatori hanno esaminato il decorso clinico dei sintomi e i cambiamenti nei risultati di laboratorio (ad es. Esami del sangue, radiografie del torace) e spargimento virale con test molecolari regolari per la carica virale nel tampone rinofaringeo, saliva orofaringea posteriore, tampone della gola, feci e urina. Tutti i partecipanti avevano un tampone nasofaringeo positivo SARS-CoV-2 all’inizio dello studio.

L’endpoint primario era il tempo all’ottenimento di un tampone rinofaringeo negativo per SARS-CoV-2. Gli endpoint secondari includevano il tempo necessario affinché i sintomi di COVID-19 raggiungessero un punteggio National Early Warning Score (NEWS) pari a 0 e un punteggio SOFA (Sequential Assessment Failure Assessment) pari a 0. Inoltre, includevano mortalità a 30 giorni e durata della degenza ospedaliera.

Coronavirus: una efficace soppressione della carica virale

Il trattamento con la tripla combinazione di farmaci ha efficacemente soppresso la carica virale (senza virus rilevabile) nel tampone rinofaringeo entro 7 giorni medi dall’inizio del trattamento, che era significativamente più breve della media di 12 giorni nel gruppo di controllo, trattato con solo lopinavir-ritonavir.

Per quanto riguarda gli endpoint secondari, i risultati hanno evidenziato che il miglioramento clinico era significativamente migliore nel gruppo a tripla combinazione, con questi farmaci che dimezzavano il tempo per completare l’alleviamento dei sintomi (media 4 giorni contro 8 giorni) e un punteggio SOFA di 0 (media 3 giorni contro 8 giorni). Infine, la degenza media è risultata significativamente più breve (9 giorni contro 14,5 giorni).

Ulteriori analisi secondarie hanno anche esaminato i tempi del trattamento e gli esiti dei pazienti. Hanno scoperto che i 52 pazienti che hanno iniziato il trattamento di combinazione (con interferone beta-1b), meno di 7 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi, hanno avuto esiti clinici e virologici migliori rispetto al gruppo di controllo che ha ricevuto il trattamento nello stesso momento (24 pazienti). Tuttavia, le persone che sono state trattate 7 giorni o più dopo la comparsa dei sintomi non hanno evidenziato differenze negli esiti tra il trattamento di associazione e i gruppi di controllo (34 pazienti nel gruppo di associazione, che hanno ricevuto lopinavir-ritonavir e ribavirina ma non hanno ricevuto interferone beta-1b, e 17 nel gruppo di controllo).

Coronavirus: l’interferone beta 1-b come componente chiave del trattamento

“Questi risultati suggeriscono che l’interferone beta 1-b può essere una componente chiave del trattamento combinato e vale la pena approfondire le indagini per il trattamento del COVID-19”, afferma la coautrice dott. Jenny Lo dell’ospedale Ruttonjee di Hong Kong. “Gli interferoni sono proteine ​​presenti in natura, prodotte in risposta all’infezione virale, e la speranza è che l’interferone beta-1b aumenti la capacità del corpo di combattere il SARS-CoV-2. Le future sperimentazioni di fase 3 presto confermeranno o confuteranno l’utilità di questo farmaco come trattamento del COVID-19”.

Non vi era alcuna differenza negli eventi avversi tra i gruppi di trattamento (48% nel gruppo di combinazione contro 49% nei controlli) e nessuno degli effetti collaterali nel gruppo di combinazione era grave. Un paziente nel gruppo di controllo ha avuto un evento avverso grave di disfunzione epatica con interruzione del trattamento. Gli eventi avversi più comuni sono stati diarrea, febbre e nausea. Nessun paziente è morto durante lo studio.

Gli autori evidenziano diversi limiti dello studio, incluso il fatto che si trattava di uno studio in aperto in cui sia i ricercatori che i pazienti conoscevano il trattamento che i partecipanti stavano ricevendo e non era stato composto un gruppo placebo. Notano anche che i risultati possono essere confusi dal sottogruppo di 34 pazienti all’interno del gruppo di combinazione che sono stati ammessi 7 giorni o più dopo l’insorgenza dei sintomi e ai quali non è stato somministrato l’interferone beta-1b, ma sono stati analizzati come parte del gruppo di combinazione.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + dieci =