Immagine del coronavirus

COVID-19: le differenze nella risposta immunitaria tra maschi e femmine

Le differenze nella risposta immunitaria in corso di malattia da COVID-19 dei pazienti maschi e femmine sono delineate in un documento pubblicato sulla rivista Nature. I risultati possono aiutare a guidare un approccio basato sul genere per il trattamento e la cura di pazienti maschi e femmine.

Le differenze nella risposta immunitaria durante COVID-19: lo studio  

Differenti ricerche epidemiologiche hanno dimostrato che la gravità del COVID-19 tende ad essere maggiore per gli uomini rispetto alle donne, ma le ragioni alla base di questa discrepanza non sono state mai chiarite in modo certo.

Per saperne di più, Akiko Iwasaki e colleghi hanno valutato 98 pazienti inclusi in due distinti coorti, con un’età media compresa tra 62 e i 64 anni, ricoverati allo Yale New Haven Hospital negli Stati Uniti, con malattia da lieve a moderata, che si era confermata positiva ai test per l’infezione da SARS-CoV-2.

L’analisi di base è stata eseguita su campioni di pazienti che non erano stati ricoverati in unità di terapia intensiva, non avevano ricevuto tocilizumab e non avevano ricevuto corticosteroidi ad alte dosi prima della raccolta del campione. Questo gruppo di 39 pazienti ha formato la prima coorte (17 uomini e 22 donne).

Un’analisi secondaria parallela, longitudinale, è stata eseguita su una seconda coorte di pazienti per valutare la differenza nella risposta immunitaria nel corso della malattia tra pazienti maschi e femmine.

Questa coorte includeva tutti i campioni ottenuti nella prima coorte e quelli si altri 59 pazienti che non soddisfacevano i criteri di inclusione per la prima coorte. All’interno della seconda coorte erano così inclusi pazienti con malattia più grave.

Le differenze nella risposta immunitaria durante COVID-19: le cellule T più forti nelle femmine  

I ricercatori hanno scoperto che le pazienti di sesso femminile hanno montato una risposta delle cellule T più robusta e sostenuta rispetto ai pazienti di sesso maschile. Le cellule T sono una parte essenziale del sistema immunitario e il loro ruolo include l’uccisione delle cellule infette. È stato dimostrato che una scarsa risposta delle cellule T è correlata a un esito peggiore della malattia nei pazienti maschi.

È stato scoperto che i pazienti con COVID-19 hanno livelli elevati di citochine e chemochine immunitarie innate – molecole di segnalazione coinvolte nel reclutamento di cellule immunitarie nei siti di infiammazione – rispetto agli individui sani di controllo. Tuttavia, i livelli di alcuni di questi fattori erano più alti nei pazienti maschi che nelle pazienti femmine.

Nelle pazienti di sesso femminile, livelli più elevati di citochine immunitarie innate sono stati associati a una peggiore risposta alla malattia. I risultati indicano che i pazienti di sesso maschile possono trarre beneficio da terapie che elevano la risposta delle cellule T, mentre le pazienti di sesso femminile possono beneficiare di terapie che attenuano le risposte immunitarie innate precoci. Tuttavia, gli autori avvertono di non essere stati in grado di escludere altri fattori sottostanti che possono modificare il rischio di esito sfavorevole nei pazienti maschi e femmine con COVID-19.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × due =