Le malattie cardiache sono la principale causa di morte nel mondo: COVID-19 contribuisce al primato

Secondo a recente pubblicazione Heart Disease and Stroke Statistics — 2021 Update dell’American Heart Association, le malattie cardiache rimangono la principale causa di morte in tutto il mondo. In questo documento, pubblicato sulla rivista Circulation, gli esperti avvertono che l’ampia influenza della pandemia di COVID-19 sulle malattie cardiovascolari probabilmente continuerà a mantenerle al primo posto della classifica anche negli anni a venire.

Il fatto che le malattie cardiovascolari sono in costante aumento nel mondo risulta anche da un’analisi dei tati tratti dal Global Burden of Diseases, Injuries, and Risk Factors Study 2019, recentemente pubblicata sul JACC (vedi il nostro precedente articolo).

Nel 2019 sono morte quasi 18,6 milioni di persone a causa delle malattie cardiovascolari

A livello globale, quasi 18,6 milioni di persone sono morte a causa delle malattie cardiovascolari nel 2019, l’ultimo anno per il quale vengono calcolate le statistiche mondiali. Ciò riflette un aumento del 17,1% nell’ultimo decennio. Ci sono stati più di 523,2 milioni di casi di malattie cardiovascolari nel 2019, con un aumento del 26,6% rispetto al 2010.

Gli esperti prevedono che il carico globale delle malattie cardiovascolari crescerà in modo esponenziale nei prossimi anni con l’evolversi degli effetti a lungo termine dell’attuale pandemia COVID-19.

“COVID-19 ha avuto un impatto enorme sulla vita in tutto il mondo ed è sulla buona strada per diventare una delle prime tre-cinque cause di morte nel 2020. Ma la sua influenza avrà un impatto diretto e indiretto sui tassi di prevalenza e decessi di malattie cardiovascolari per anni a venire. La ricerca sta dimostrando che l’unico coronavirus può causare danni al cuore. È importante sottolineare che sappiamo anche che le persone hanno ritardato la cura di infarti e ictus, il che può portare a risultati peggiori”,

ha affermato Salim S. Virani, presidente del comitato di scrittura del 2021 Statistical Update e professore associato di cardiologia presso il Baylor College of Medicine di Houston, in Texas.

COVID-19 ha cambiato il modo in cui viviamo

Ma Virani ha detto che un problema ancora più critico saranno i rischi per la salute cardiovascolare che sono esacerbati dai comportamenti poveri dello stile di vita che sono stati prevalenti durante la pandemia.

“Le circostanze straordinarie legate a COVID-19 hanno cambiato il modo in cui viviamo, compreso l’adozione di comportamenti malsani che sono noti per aumentare il rischio di malattie cardiache e ictus. Abitudini alimentari malsane, aumento del consumo di alcol, mancanza di attività fisica e il costo mentale dell’isolamento da quarantena e persino la paura di contrarre il virus possono avere un impatto negativo sul rischio cardiovascolare di una persona. Avremo bisogno di osservare e affrontare queste tendenze poiché probabilmente le ramificazioni complete si faranno sentire per molti anni a venire”,

ha detto Virani.

Sulla base dell’aggiornamento statistico, che ha fornito i dati sulla mortalità degli Stati Uniti dal 2018, le malattie cardiovascolari rimangono la principale causa di morte. Nel 2020, circa 360.000 vite sono state perse a causa del COVID-19 negli Stati Uniti. il rilascio di dati relativi a tutte le cause di morte nei prossimi anni consentirà il confronto delle cause di mortalità specifiche per malattia che includono COVID-19.

Il monitoraggio di tali tendenze è uno dei motivi per cui l’American Heart Association pubblica annualmente l’aggiornamento statistico definitivo, fornendo una risorsa completa dei dati più attuali, delle scoperte scientifiche rilevanti e della valutazione dell’impatto delle malattie cardiovascolari a livello nazionale e globale. L’aggiornamento annuale rappresenta una raccolta delle statistiche più recenti e più rilevanti su malattie cardiache, ictus e fattori di rischio che incidono sulla salute cardiovascolare.

Un capitolo dedicato agli esiti avversi della gravidanza

I dati statunitensi vengono raccolti in collaborazione con il National Institutes of Health e altre agenzie governative, mentre le tendenze globali sono fornite dal Global Burden of Disease Study dell’Institute for Health Metrics and Evaluation dell’Università di Washington.

La novità del rapporto di quest’anno è un capitolo dedicato agli esiti avversi della gravidanza, noti per aumentare il rischio di malattie cardiovascolari nelle madri e nei loro bambini. Negli Stati Uniti, le complicanze della gravidanza, inclusi disturbi ipertensivi, diabete gestazionale, nascite pretermine e nascita di bambini piccoli per l’età gestazionale, si verificano nel 10-20% di tutte le gravidanze, mentre le morti cardiovascolari sono la causa più comune di morte materna (26,5%).

“Dobbiamo affrontare questo problema per salvare la vita delle madri e per migliorare la salute dei loro figli alla nascita, ma anche durante la loro vita. Possono esserci effetti a lungo termine sulla prole di donne che soffrono di complicazioni legate alla gravidanza. Ma possiamo anche contribuire ad avere un impatto sulla salute delle generazioni future perché mentre aiutiamo le donne a imparare a ridurre il loro rischio cardiovascolare, è probabile che adottino stili di vita più sani. A loro volta, possono influenzare i comportamenti salutari delle loro famiglie”,

ha detto Virani.

Il rapporto annuale continua a monitorare le tendenze relative alla salute cardiovascolare ideale, ai determinanti sociali della salute, alla salute cardiovascolare globale, alla genetica della salute cardiovascolare e ai costi sanitari. Virani ha sottolineato l’importanza di questa sorveglianza come risorsa fondamentale per il pubblico laico, i responsabili politici, i professionisti dei media, i medici, gli amministratori sanitari, i ricercatori, i sostenitori della salute e altri che cercano i migliori dati disponibili su questi fattori e condizioni.

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − 1 =