Home Geriatria Se si dorme poco si rischia la demenza

Se si dorme poco si rischia la demenza

359
0

Dormire regolarmente sei ore o meno a notte durante la mezza età si associa a un maggior rischio di sviluppare una demenza. Lo suggerisce un nuovo studio, condotto su quasi 8.000 adulti britannici, seguiti per oltre 25 anni, pubblicato nei giorni scorsi sulla rivista Nature Communications.

Questi risultati non possono stabilire una certa relazione di causa ed effetto, ma suggeriscono che esiste un legame tra la durata del sonno e il rischio di demenza.

adv

Un aumento del rischio di demenza del 30%

Ogni anno nel mondo vengono segnalati quasi 10.000.000 di nuovi casi di demenza. Un sintomo comune tra questi soggetti è il sonno alterato. Tuttavia, vi sono prove crescenti che suggeriscono che i modelli di sonno prima dell’insorgenza della demenza possano contribuire alla malattia. Negli anziani è già stato dimostrato in modo abbastanza chiaro che il tempo trascorso a dormire è collegato al rischio di sviluppare una demenza. Non era però ancora stata dimostrata un’associazione tra questa malattia e le ore di sonno nei soggetti di età più giovane.

Séverine Sabia e colleghi hanno analizzato i dati dello studio Whitehall II dell’UCL che ha esaminato la salute di 7.959 individui britannici dal 1985. I partecipanti hanno riferito la durata del loro sonno e alcuni hanno indossato accelerometri da orologio, durante la notte, per confermare che si trattava di una stima accurata. Lo studio mostra un rischio più elevato di demenza in coloro che dormono sei ore o meno a notte, quando hanno un’età di 50 o 60 anni. È stato inoltre rilevato un aumento del rischio di demenza del 30% in quelli con sonno costantemente breve dalla mezza età all’età avanzata (da 50 a 70 anni), indipendentemente da problemi di salute cardiometabolica o mentale, che sono fattori di rischio noti per la demenza.

I risultati suggeriscono che il sonno può essere importante per la salute del cervello nella mezza età. La ricerca futura potrebbe essere in grado di stabilire se il miglioramento delle abitudini del sonno possa aiutare a prevenire la demenza.

 

Articolo precedenteCOVID-19: la variante inglese non causa malattie più gravi, ma è più trasmissibile
Articolo successivoArteriopatia degli arti inferiori: l’esercizio fisico deve essere ad alta intensità
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui