Home Cardiologia Ipertensione arteriosa: considerare i farmaci, se la pressione non scende con la...

Ipertensione arteriosa: considerare i farmaci, se la pressione non scende con la dieta

6
0

Gli operatori sanitari dovrebbero prendere in considerazione la prescrizione di farmaci per i pazienti con pressione sanguigna leggermente elevata, se i livelli non diminuiscono dopo sei mesi di cambiamenti nello stile di vita sano. È questa una delle raccomandazioni chiave del nuovo Scientific Statement dell’American Heart Association, pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista Hypertension.

Il documento colma una lacuna nelle raccomandazioni delle linee guida, affrontando come gestire l’ipertensione allo stadio 1 (livelli di pressione di 130-139/80-89 mmHg, punto non affrontato nelle linee guida del 2017.

Ipertensione arteriosa e i cambiamenti dello stile di vita

La raccomandazione delle linee guida per la gestione della pressione sanguigna dell’American College of Cardiology/American Heart Association 2017 per i pazienti con ipertensione di stadio 1, e un rischio basso (<10%) di avere un infarto o ictus entro 10 anni, è di trattare prima con cambiamenti dello stile di vita e quindi ripetere il controllo della pressione sanguigna dopo sei mesi. Per i pazienti con ipertensione di stadio 1 e un rischio a 10 anni elevato (> 10%) di infarto o ictus, le linee guida raccomandano farmaci antipertensivi oltre a uno stile di vita sano.

La dichiarazione scientifica odierna suggerisce che i medici dovrebbero prendere in considerazione i farmaci anche per i pazienti con un basso rischio cardiovascolare a dieci anni, se gli obiettivi di pressione sanguigna (<130/80 mm Hg) non vengono raggiunti dopo sei mesi di cambiamenti sostenuti nello stile di vita. Questa nuova indicazione si applicherebbe a quasi il 10% degli adulti americani con ipertensione.

“Non ci sono raccomandazioni per il trattamento nelle attuali linee guida per i pazienti che hanno un rischio relativamente basso di malattie cardiache a breve termine, quando la pressione sanguigna non scende al di sotto di 130 mmHg, dopo sei mesi di cambiamenti dello stile di vita raccomandati”, ha detto Daniel W. Jones, professore e decano emerito presso la University of Mississippi School of Medicine a Jackson, in Mississippi, ed ex presidente dell’American Heart Association. “Questa affermazione colma questa lacuna.”

Pressione arteriosa e malattie cardiovascolari

Molti pazienti con ipertensione allo stadio 1 sono adulti di età inferiore ai 40 anni. Mancano studi randomizzati controllati che seguono questi pazienti per il rischio di malattie cardiovascolari, pertanto il comitato per la scrittura dello Statement si è basato su altre forme di evidenza, inclusi studi osservazionali incentrati sulla relazione tra pressione sanguigna e malattie cardiovascolari.

“Sappiamo che le persone con pressione arteriosa inferiore a 130/80 mmHg hanno meno marcatori di rischio cardiovascolare come il calcio coronarico elevato, l’allargamento del cuore o l’accumulo di depositi di grasso chiamati aterosclerosi nelle arterie del collo. Ci sono prove evidenti che il trattamento della pressione elevata salva vite umane, riducendo i rischi di infarto e ictus”, ha detto Jones.

Le modifiche allo stile di vita sano per abbassare la pressione sanguigna includono il raggiungimento del peso corporeo ideale, l’esercizio (30 minuti nella maggior parte dei giorni di attività fisica da moderata a intensa, se possibile), la limitazione del sodio nella dieta, l’aumento dell’assunzione di potassio e il rispetto della dieta Dietary Approaches to Stop Hypertension (DASH). Questo regime prevede una dieta combinata di frutta e verdura con latticini a basso contenuto di grassi e grassi saturi ridotti e grassi totali ridotti). Inoltre, si dovrebbe raccomandare ai pazienti di limitare l’alcol e di non fumare. Questi rimangono la pietra angolare della prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Considerare l’aggiunta di farmaci

“Se dopo sei mesi con i cambiamenti dello stile di vita, la misurazione del sangue non migliora, i medici dovrebbero considerare l’aggiunta di farmaci per controllare la pressione arteriosa”, ha detto Jones. “Questo è un messaggio importante anche per i pazienti, perché dovrebbero controllare regolarmente la loro pressione sanguigna per monitorare i progressi. Se non raggiungono una pressione sanguigna sistolica media giornaliera inferiore a 130 mm Hg, è probabilmente il momento di avviare una conversazione con il proprio medico sui passaggi pratici successivi, che possono includere l’aggiunta di farmaci, per gestire la pressione sanguigna”.

Per le persone che hanno assunto farmaci per abbassare la pressione sanguigna da adolescenti, ci sono prove che, senza intervento, è probabile che questi individui sviluppino marcatori di malattie cardiovascolari nella giovane età adulta. Il documento suggerisce che l’indicazione originale per iniziare il trattamento, di solito per scongiurare danni d’organo da ipertensione a lungo termine, dovrebbe essere presa in considerazione nel valutare la necessità di continuare il trattamento.

Gli autori della dichiarazione riconoscono che gli obiettivi del cambiamento dello stile di vita sono difficili da raggiungere e mantenere nel tempo. “È molto difficile in America e nella maggior parte dei paesi industrializzati limitare sufficientemente il sodio per abbassare la pressione sanguigna”, ha detto Jones, “ed è difficile per tutti noi mantenere un peso sano in quello che io chiamo un ambiente alimentare tossico. Noi vogliamo che i medici consigliano ai pazienti di prendere sul serio i cambiamenti dello stile di vita sano e fare del loro meglio. Sicuramente preferiamo raggiungere gli obiettivi di pressione sanguigna senza aggiungere farmaci; tuttavia, trattare con successo la pressione elevata allunga sia gli anni che la qualità della vita”.

 

 

Articolo precedenteAlti tassi di ansia e depressione nei pazienti cui viene impiantato un defibrillatore
Articolo successivoTesti mininvasivi per lo screening dell’esofago di Barrett
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

nove − 7 =